LINEE POLITICHE:

Il Movimento Patria Nostra, non si può definire semplicemente un partito politico, ma è l’unione di un gruppo di donne e uomini che vogliono dare il proprio contributo, tramite le loro idee, per, quantomeno, tentare di migliorare lo stato in cui viviamo. Un insieme di persone unite dall’amore viscerale per la nostra Patria, stanchi di essere un popolo muto. Italiani che con entusiasmo cercano, tramite iniziative ed azioni politiche, di far sentire forte la propria voce.

Un laboratorio di idee ed azioni, soprattutto volte al sociale, non disdegnando di fare iniziative più puramente politiche.

Il Movimento nasce da un idea “originale”, si “smarca dai termini destra e sinistra e persegue l’idea di terza via, definendosi Antagonisti! Trae ispirazione dal socialismo “rivoluzionario” dei “Fasci di Comabttimento” (Movimento politico fondato nel 1919, e poi ripreso nel 1943 dalla Repubblica Sociale Italiana, facendo proprio il concetto di socializzazione in campo economico, derivato dalla “corporazione proletaria” ideata da Ugo Spirito e rielaborata nel Manifesto di Verona del novembre 1943. Un Idea Rivoluzionaria in campo economico e politico ancora attuabile. Non è un tentativo di ricostruire il Partito Nazional Fascista, anzi, il MPN, assume un atteggiamento critico nei confronti del ventennio (inteso come regime), non condividendone alcune scelte politiche, pur riconoscendo la grandezza delle cento opere effettuate. Il MPN, intende come “terza via” un sistema politico, culturale, sociale ed economico alternativo a quelli comunista e capitalista (quindi anche alla destra tradizionale) :

« I nostri programmi sono decisamente rivoluzionari le nostre idee appartengono a quelle che in regime democratico si chiamerebbero “di sinistra”; le nostre istituzioni sono conseguenza diretta dei nostri programmi; il nostro ideale è lo Stato del Lavoro. Su ciò non può esserci dubbio: noi siamo i proletari in lotta, per la vita e per la morte, contro il capitalismo. Siamo i rivoluzionari alla ricerca di un ordine nuovo. Se questo è vero, rivolgersi alla borghesia agitando il pericolo rosso è un assurdo. Lo spauracchio vero, il pericolo autentico, la minaccia contro cui lottiamo senza sosta, viene da destra. A noi non interessa quindi nulla di avere alleata, contro la minaccia del pericolo rosso, la borghesia capitalista: anche nella migliore delle ipotesi non sarebbe che un’alleata infida, che tenterebbe di farci servire i suoi scopi, come ha già fatto più di una volta con un certo successo. Sprecare parole per essa è perfettamente superfluo. Anzi, è dannoso, in quanto ci fa confondere, dagli autentici rivoluzionari di qualsiasi tinta, con gli uomini della reazione di cui usiamo talvolta il linguaggio  B.M.»

I Valori:

VITA

PATRIA

FAMIGLIA

Programma Politico:

SCUOLA:

investimenti in asili pubblici: miglioramento e messa in sicurezza delle strutture scolastiche già esistenti, ampliamento della rete degli asili nido e dei servizi educativi per la prima infanzia.

Investimenti nella sicurezza all’interno e all’esterno delle strutture scolastiche: sempre più spesso si registrano casi di tentativi di adescamento da parte di malintenzionati, casi di tentativo di reclutamento manovalanza minorile ad opera di gruppi malavitosi, casi di presenza spacciatori… al esterno, o anche all’interno, degli istituti scolastici; quindi, noi proponiamo l’istallazione di telecamere a circuito chiuso all’interno e all’esterno delle scuole, la presenza di polizia o vigilantes all’esterno delle scuole durante l’ingresso e l’uscita degli studenti specie nei quartieri “più delicati”; relazioni periodiche alle forze di polizia, da parte dei Capi d’Istituto, sulle problematiche riscontrate negli istituti riguardo la sicurezza; presenza costante di un assistente sociale e/o di uno psicologo all’interno delle scuole elementari e materne, in modo da poter intervenire prontamente nel caso si notino comportamenti anomali da parte degli alunni.

Investimenti in asili aziendali, per dare la possibilità alle mamme lavoratrici di poter affidare i propri figli a personale competente all’interno della propria azienda, senza dover rinunciare alla possibilità di lavorare full-time ( è spesso difficile per una mamma lavoratrice riuscire a far coincidere gli orari di lavoro, e quindi di spostamento dal luogo di lavoro, con gli orari degli asili).

LAVORO:

maggiori investimenti nel campo della formazione e nella qualificazione dei disoccupati, creazione di un fondo regionale per le aziende in crisi, finanziamenti ed assistenza per disoccupati storici che intendono creare impresa, finanziamenti ed assistenza ad aziende che assumono portatori di handicap, corsi di formazione e stage finanziati dalla Regione per gli studenti degli istituti professionali, maggiori controlli nelle aziende per verificare l’applicazione delle norme in materia di sicurezza del lavoro.

REGIME FISCALE

Annullamento del prelievo fiscale direttamente in busta ai dipendenti e conseguente regime fiscale che permetta di detrarre tutto quello effettivamente speso per il sostentamento delle famiglie, con conseguente aumento del potere d’acquisto da parte delle famiglie.

CASA

Introduzione dell’Edilizia Residenziale Convenzionata Agevolata da parte delle regioni e da esse gestite. Finanziamenti regionali per la messa in sicurezza dei palazzi non anti-sismici e la creazione della Carta d’Identità del Fabbricato;

SICUREZZA

Noi diciamo no! Alla costruzione di ulteriori campi rom attrezzati nelle nostre città, inoltre chiediamo l’immediato abbattimento dei villaggi rom abusivi, in cui vivono centinai di persone molte delle quali si macchiano di crimini di vario genere, dove a causa del pessimo stato igienico- sanitari in cui vivono (per loro scelta), possono diventare rischiosi focolai di malattie. Campi Rom dove è ritenuto “normale” l’utilizzo di bambini piccolissimi per chiedere l’elemosina agli angoli delle strade, per commettere piccoli reati, per soddisfare le manie sessuali di qualche pedofilo.

Maggior utilizzo dei poliziotti di quartiere specie nelle zone periferiche ad alta densità di popolazione e ad alta percentuale di presenza di extracomunitari.

Video-camere a circuito chiuso alle fermate degli autobus, tram e Taxi nelle zone più isolate.

Finanziamenti per la creazione di centri di ascolto ed assistenza per chi ha subito abusi o che vive in situazioni di disagio sociale e familiare.

Maggiore assistenza e controllo alle famiglie a rischio, specie dove c’è la presenza di minori, donne o portatori di handicap.

Maggiori informazione nelle scuole sui pericoli che si possono incontrare per strada.

Maggiori controlli lungo le strade ad alta velocità.

Maggiori controlli all’uscita dei locali notturni.

IMMIGRAZIONE Istituzione di un organo per il controllo dei flussi migratori e inasprimento dei controlli prima e dopo del rilascio di permessi di soggiorno. Applicazione dell’art. 5 della Legge n 152 del 1975 per proibire l’uso del Burqa e del Niquab.

SANITA’

Miglioramento e messa in sicurezza delle strutture preesistenti.

Ampliamento e riqualificazione delle piante organiche delle strutture sanitarie, specie nei pronto-soccorso: questo ridurrebbe notevolmente i tempi di attesa nelle sale sempre affollatissime dei pronto-soccorsi, nonché la riduzione dei tempi d’attesa per le visite specialistiche nelle strutture sanitarie pubbliche.

Monitoraggio costante sulle condizioni igieniche delle strutture sanitarie, sulla funzionalità dei macchinari e sulle capacità del personale medico e para-medico.

Creazione di presidi pronto-soccorso nei quartieri periferici ad alta densità di popolazione.

AMBIENTE

Recupero e Salvaguardia del territorio.

Creazione e Formazione di figure professionali che operino nella salvaguardia e tutela dei Parchi e Aree verdi.

Maggiore informazione nelle scuole sulla tutela e la salvaguardia di flora e fauna.

Creazione di una rete di informazioni e reciproca collaborazione con i Parchi Nazionali presenti nelle varie Regioni d’ Italia e con i Parchi Nazionali Europei, collaborazione e scambio di informazione per migliorare la gestione del Parco Nazionale, ma anche per incrementare il “turismo naturalistico”.

GIOVANI

Finanziamento per la creazione di strutture per l’aggregazione giovanile.

Corsi di formazione e stage formativi per giovani neo-diplomati per l’acquisizione di nozioni sulle norme che regolano la sicurezza negli ambienti di lavoro, fare impresa, praticantato finanziato dalla Regione presso aziende pubbliche o private e studi professionali.

Agevolazioni ad Aziende che intendono assumere i giovani che hanno svolto praticantato (vedi punto precedente) presso di loro.

Miglioramento e ampliamento degli istituti professionali.

Finanziamenti ed assistenza a cooperative a maggioranza over 35 e/o femminile.

Creazione di uno sportello di Assistenza ed informazione che assista e consigli i giovani disoccupati alla ricerca di lavoro.


Questa è il Movimento Patria Nostra! Onore a chi lotta!


Segreteria Politica